I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni
Banner-appdottori160x600
Eli lilly
Xeristar 30 mg 7 capsule rigide gastroresistenti
Farmaco di fascia A
6,56 €

prezzo indicativo*

0

Persone lo consigliano

« torna alla scheda del farmaco

Effetti collaterali

INFEZIONI ED INFESTAZIONI: non comuni: laringite. IMMUNITARI: rari: reazione anafilattica, disturbo di ipersensibilità. ENDOCRINI: rari: ipotiroidismo. METABOLICI: comuni: diminuzione dell'appetito. Non comuni: iperglicemia (riportata specialmente nei pazienti diabetici). Rari: disidratazione, iposodiemia, SIADH. PSICHIATRICI: comuni: insonnia, agitazione, diminuzione della libido, ansia, orgasmo anormale, sogni anormali. Non comuni: ideazione suicidaria (casi di ideazione suicidaria sono stati riportati durante terapia con duloxetina o nelle fasi precoci dopo la sospensione del trattamento), disturbo del sonno, bruxismo, disorientamento, apatia. Rari: mania, allucinazioni, comportamento suicidario (casi di comportamenti suicidari sono stati riportati durante terapia con duloxetina o nelle fasi precoci dopo la sospensione del trattamento). La sospensione della terapia con duloxetina (specialmente quando avviene in maniera brusca) porta comunemente alla comparsa di sintomi da sospensione. Le reazioni più comunemente riportate sono capogiro, disturbi del sensorio (compresa la parestesia), disturbi del sonno (compresi insonnia e sogni vividi), affaticamento, agitazione o ansia, nausea e/o vomito, tremore, cefalea, irritabilità, diarrea, iperidrosi e vertigini. Generalmente, per gli SSRI e gli SNRI, questi eventi sono di entità da lieve a moderata ed auto limitanti, tuttavia, in alcuni pazienti possono essere gravi e/o prolungati. Pertanto, quando il trattamento con duloxetina non è più necessario, si consiglia di effettuare una sospensione graduale della terapia mediante una progressiva riduzione della dose. NERVOSI: molto comuni: cefalea, sonnolenza, capogiro. Comuni: tremore, parestesia. Non comuni: mioclono, acatisia, nervosismo, disturbo dell'attenzione, letargia, disgeusia, discinesia, sindrome delle gambe senza riposo, scarsa qualità del sonno. Rari: convulsioni (sono state riportate dopo la sospensione del trattamento), sindrome serotoninergica, sintomi extra-piramidali, irrequietezza psicomotoria. OCULARI: comuni: visione offuscata. Non comuni: midriasi, disturbi visivi. Rari: glaucoma. OTOLOGICI: comuni: tinnito (casi di tinnito sono stati riportati dopo la sospensione del trattamento). Non comuni: vertigini, otalgia. CARDIACI: comuni: palpitazioni. Non comuni: tachicardia, aritmia sopraventricolare, principalmente fibrillazione atriale. VASCOLARI: comuni: vampata. Non comuni: ipertensione, aumento della pressione sanguigna, estremità fredde, ipotensione ortostatica, sincope (casi di ipotensione ortostatica e sincope sono stati riportati soprattutto all'inizio del trattamento). Rari: crisi ipertensive. RESPIRATORI: comuni: sbadiglio. Non comuni: costrizione alla gola, epistassi. GASTROINTESTINALI: molto comuni: nausea, secchezza della bocca. Comuni: stipsi, diarrea, vomito, dispepsia, flatulenza. Non comuni: emorragia gastrointestinale, gastroenterite, eruttazione, gastrite. Rari: stomatite, alitosi, ematochezia. EPATOBILIARI: non comuni: enzimi epatici elevati (ALT, AST, fosfatasi alcalina), epatite, danno epatico acuto. Rari: ittero, insufficienza epatica. CUTANEI: comuni: aumentata sudorazione, eruzione cutanea. Non comuni: sudorazioni notturne, orticaria, dermatite da contatto, sudorazione fredda, reazioni di fotosensibilità, aumentata tendenza a sviluppare lividi. Rari: edema angioneurotico, sindrome di Stevens-Johnson. MUSCOLOSCHELETRICI: comuni: dolore muscolo-scheletrico, rigidità muscolare, spasmo muscolare. Non comuni: contrazione muscolare. Rari: trisma. UROGENITALI: non comuni: ritenzione urinaria, disuria, difficoltà ad iniziare la minzione, nicturia, poliuria, ridotto flusso urinario. Rari: odore alterato delle urine. RIPRODUTTIVI: comuni: disfunzione erettile. Non comuni: disturbi dell'eiaculazione, eiaculazione ritardata, disfunzioni di natura sessuale, emorragia a carico dell'apparato riproduttivo femminile. Rari: sintomi della menopausa, galattorea, iperprolattinemia. SISTEMICI: comuni: affaticamento, d